Archivio mensile:gennaio 2014

Il figlio scarso

Dal sito dell’F.C.D. “Real Virtus” (Bettona, PG)                                                                                  Lettera alla mamma di un bambino scarso che vuole smettere di giocare                       Scritto da Andrea Checcarelli, il giorno 27 dicembre 2013

http://www.realvirtus.it/index.php?option=com_content&view=article&id=315:lettera-ad-una-mamma-di-un-bambino-qscarsoq-che-vuole-smettere-di-giocare&catid=1:ultime&Itemid=50 Continua a leggere

Etica sportiva

Scritto da Matteo Musso e pubblicato su “Il Corriere Sportivo Piemonte e Valle D’Aosta”, il giorno Lunedì, 30 Dicembre 2013.

Mentre nei nostri stadi viene garantita da decenni un’impunità pressoché totale per qualsiasi imbecille, all’estero accade l’esatto opposto. A novembre un tifoso del Borussia Dortmund ha esultato per un gol dei gialloneri con il saluto nazista. Risultato? Quell’uomo non avrà più la possibilità di entrare in uno stadio tedesco per tutta la sua esistenza. In Inghilterra si inalberano per molto meno, perché i diritti di chi paga il biglietto sono sacri. Il Sunderland ha espulso 38 tifosi perché contro il City continuavano a stare in piedi ostacolando la visuale degli altri spettatori. Altro che forconi, per una cosa del genere in Italia si rischierebbe la guerra civile.

_____________________________________________________

Administrator

Mah…!?

 

Derby di Istanbul (Turchia)  –  Invasione del campo di gioco da parte dei tifosi del Besiktas dopo la rete del 2-1 per il Galatasaray.

                         galatasaray, besiktas, incidenti, istanbul

 

L’obiettivo irraggiungibile

Ci sono momenti nella vita di un atleta che risultano oggettivamente difficili e che condizionano in maniera determinante il fine ultimo della sua attività sportiva cioè l’obiettivo da raggiungere. Tralasciando le situazioni legate agli infortuni di natura fisica, sarebbe interessante considerare quelle occasioni particolari in cui, nonostante l’impegno e gli sforzi profusi, non si ottengono risultati e, contestualmente, non si riesce a capire i motivi di ciò. Per esempio quando un giocatore non riesce a trovare il posto in squadra, quando un corridore non riesce a migliorare i suoi tempi in gara, quando una tennista non riesce a vincere neanche un “game”; questi sono alcuni esempi di situazioni critiche che potrebbero nascere a seguito di un duro e faticoso periodo di allenamento che obiettivamente era programmato per ottenere soddisfazioni personali e risultati di un certo livello. Continua a leggere

Gli “Slogan” nello sport – 1a Parte

Spesso, nell’ambito di eventi legati all’agonismo sportivo (gare, allenamenti, ecc.), si ascoltano frasi del tipo

  • il ragazzo non ce la farà mai perché “non ha la testa”;
  • forza ragazzi, “concentrazione”!;
  • “tira fuori gli attributi”!.

Sono frasi tipiche dette da allenatori, dirigenti, atleti, spettatori, ecc., frasi che non mancano mai in un ambiente sportivo e che, talvolta, lasciano un po’ di perplessità in chi le ascolta. Continua a leggere

Il perfezionismo

In ambito sportivo, come in qualsiasi altra area sociale, il perfezionismo è spesso frutto della ricerca della vittoria o quantomeno del raggiungimento del risultato prefissato. Talvolta capita d’imbattersi in personaggi (dirigenti, allenatori, atleti, ecc.) che fanno del perfezionismo l’arma vincente per realizzare l’obiettivo stabilito. Julio Velasco, attuale allenatore della nazionale iraniana di pallavolo, dice che, per vincere, non basta fare le cose bene, bisogna farle meglio degli altri. Ma è sempre la ricerca del risultato, il motivo che anima il perfezionismo? Continua a leggere

Etica nello Sport: tra il dire e il fare …

Leggendo il “Codice Europeo di Etica Sportiva”, alla terza pagina, è riportata una frase che dovrebbe riassumere, in maniera sintetica, i vari concetti espressi all’interno del codice stesso: “chi gioca lealmente è sempre vincitore”. La prima cosa da fare è quella di mettersi d’accordo sul significato della parola “lealtà” e del verbo “vincere”. Cos’è la lealtà? Cosa vuol dire “vincere”? Per fare ciò, in maniera banale, ci affidiamo ad uno dei tanti dizionari della lingua italiana e troviamo, tra le altre cose: Continua a leggere

L’organizzazione di un’associazione sportiva

Al pari di qualsiasi altro gruppo o comunità di persone, un’associazione o società sportiva è un’organizzazione di individui che deve rispondere a precise logiche di comportamento per raggiungere determinati obiettivi. L’importanza di definire con estrema precisione il ruolo di qualsiasi componente e le funzioni che deve svolgere, è basilare per rendere più vivibile l’ambiente operativo e meno tortuosi e impervi i percorsi da seguire per raggiungere gli obiettivi prefissati. Continua a leggere